Le interviste ai relatori a margine dell'evento a favore dell'autoregolamentazione del telemarketing

Il Sole24Ore

Dopo il "Bollino blu" e il "Registro delle opposizioni" arriva il "Codice di condotta", ulteriore strumento nella lotta al telemarketing illegale. La proposta, in continuità con il lavoro svolto a tutela dei diritti dei cittadini e in contrasto alle pratiche del telemarketing Illegale, è stata avanzata ieri a Roma da Assocontact (Associazione Nazionale dei Business Process Outsourcer) e OIC (Osservatorio Imprese e Consumatori) nell'ambito di un incontro alla presenza delle massime Autorità regolatorie del settore, dal titolo "La spinta normativa all'autoregolamentazione nel telemarketing. Per un nuovo rapporto tra imprese e consumatori".

Il contrasto al telemarketing illegale necessita di azioni sinergiche come spiega Guido Scorza, componente del Garante per la protezione dei dati personali:

"Molto si sta facendo. Il nuovo regolamento sul registro delle opposizioni allarga le barriere pur senza probabilmente stringere le maglie tanto quanto servirebbe. Serve una risposta integrata delle istituzioni e degli operatori che devono in qualche modo smetterla di fas concorrenza utilizzando il talemarketing, quello illegale, strumento per l'appunto di concorrenza sleale".

Il Codice di Condotta è un sistema di regole di comportamento e gestione che si integra con le raccomandazioni del Legislatore Europeo, del Legislatore Nazionale e delle Autorità di Vigilanza quali il Garante per la Protezione dei Dati Personali, il Garante della Concorrenza e del Mercato e l Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, nonché delle istituzioni regolatorie di settore.

Un percorso quindi di autoregolamentazione come spiega il presidente di Assocontact, Lelio Borgherese:

"Noi crediamo che si debba partire dalle leggi che ci sono e rispettarle in pieno, ma le leggi a volte non bastano e quindi bisogna andare oltre le leggi, con dei percorsi di autoregolamentazione, con dei codici di autodisciplina e di condotta che siano ferrei e cogenti per tutti gli operatori. Codici di condotta che auspichiamo siano fatti in collaborazione con l'Autorità garante della protezione dei dati personali".

Il Codice, basato sui principi di formazione continua degli operatori, dialogo aperto tra le parti e sensibilizzazione e informazione per i consumatori, comprenderà norme e principi, comportamenti vietati, attività di monitoraggio e gestione dei reclami per tutti i contatti, siano telefonici o elettronici, al fine di essere uno strumento efficace e integrato con gli istituti e le azioni già realizzati da Assocontact e OIC.

Il suo obiettivo è quello di colmare alcune lacune normative, divenendo uno strumento di responsabilizzazione utile ad aiutare il settore a conformarsi efficacemente alla normativa in materia di protezione dei dati personali.

Fonte dell'articolo: Vedi su Il Sole24Ore
3 febbraio 2022

NEWS RECENTI

8 giugno 2022

Assemblea Annuale Assocontact 2022

Il contributo dei Contact Center all'economia e alla digitalizzazione del Paese ...

5 aprile 2022

Registro pubblico opposizioni: come fare se persiste il telemarketing illegale

Il 27 luglio 2022 sarà il D-Day dei consumatori: grazie all’iscrizione al Registro pubblico delle Opposizioni chi lo desidera potrà non essere mai più contattato dagli operatori di telemarketing. ...

23 febbraio 2022

Telemarketing illegale: come difendersi?

"Stiamo mettendo in campo delle azioni chiare e concrete per espellere tutti gli operatori poco seri e siamo fiduciosi che la strada percorsa sia quella giusta". ...

10 febbraio 2022

Telemarketing: ecco perché quello legale va tutelato

In molti hanno salutato il nuovo registro delle opposizioni come lo scacco matto al telemarketing selvaggio, ma non è così: il nodo cruciale degli operatori illegali che continuano a chiamare ignorando ogni norma e strumento, registro compreso, non è affatto risolto. Il pun...