Il lavoro nei call center per i giovani: la Slc Cgil fa il punto

Corriere di Taranto

Imagine del articolo

«Negli ultimi 5 anni, nella sola provincia di Taranto, siamo entrati in oltre 130 call center e abbiamo parlato con 1000 donne e uomini costretti a sacrificare la propria dignità in cambio dei pochi euro necessari a sopravvivere. Questi numeri hanno reso la provincia ionica una terra simbolo della lotta alla nuova schiavitù lavorativa».
Sono solo alcuni dei numeri, delle storie umane e delle lotte sindacali che Andrea Lumino, segretario generale della Slc Cgil di Taranto, snocciolerà nell’iniziativa intitolata ‘Il lavoro nei call center, una reale opportunità per i giovani’ in programma il 13 ottobre alle 11.30 nella Sala degli Specchi del Comune di Taranto.
«Nonostante tutto quello che abbiamo scoperto e denunciato, siamo ancora convinti – ha spiegato Lumino – che i call center possano essere realmente un’occasione lavorativa importante soprattutto per i giovani: ciò che conta è il rispetto delle regole e dei diritti dei lavoratori. Abbiamo deciso di rispondere a questa situazione complicata con una vertenza sindacale complessa che tende a aiutare anche le aziende sane: in tutta Italia, infatti, le aziende regolari sono costantemente penalizzate da call center sfuggono ai controlli perché nemmeno a volte non sono nemmeno registrati come società alle Camere di commercio».

L’evento, presieduto dal segretario generale Slc Cgil Puglia Nicola Di Ceglieprevede i saluti del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, e del segretario generale Cgil Taranto Paolo Peluso, e oltre alla relazione di Andrea Lumino anche gli interventi di Laura di Raimondo, direttore generale AsstelPaolo Saranza presidente nazionale Assocontact, Riccardo Saccone segretario generale Slc Cgil Lazio, Pino Gesmundo segretario generale Cgil Puglia, l’assessore regionale alle attività produttive Michele Mazzarano e Giovanni Battafarano segretario nazionale ‘Lavoro e Welfare’. Le conclusioni saranno affidate a Marco Del Cimmuto, segretario nazionale Tlc Slc Cgil.
«Per il lavoro di questi anni su Taranto – ha aggiunto Lumino – il nostro sindacato ha scelto di la nostra città per questa iniziativa importante per raccontare i tanti casi denunciati, ma anche i risultati positivi già raggiunti come l’accordo di luglio 2017. Proprio di qui vogliamo ripartire per continuare la nostra missione a tutela dei diritti dei lavoratori».

Fonte dell'articolo: Vedi su Corriere di Taranto
Alessio Samele 13 ottobre 2017

L'Associazione mette a disposizione corsi di formazione on line, erogati da un ente certificatore esterno, in grado di rilasciare un attestato ad ogni singolo partecipante.

I corsi sono creati per le specifiche esigenze degli operatori di call center, hanno una durata di 45 minuti circa e prevedono l’accesso finale ad un test per il rilascio di un attestato individuale.

NEWS RECENTI

19 novembre 2017

Margini in caduta per i call center

«L’attività nel nostro settore – spiega Paolo Sarzana, presidente di Assocontact – presenta livelli di remunerazione talmente bassi che per molte realtà non ne garantiscono la sopravvivenza. E se è vero che in questo momento non ci sono crisi attive, &egr...

17 novembre 2017

Call center, incentivi all'occupazione solo alle imprese "certificate"

L'emendamento alla legge di Bilancio presentato dall senatrice Pd, Stefania Pezzopane: bonus solo in presenza di sadempimento di obblighi fiscali e rispetto dei contratti collettivi. Assocontact: "Garanzia anti-dumping" ...

16 novembre 2017

L. DI BILANCIO, Call Center: incentivi all’occupazione giovanile solo alle imprese con certificazione di qualità

Limitare l’applicazione dell’incentivo strutturale all’occupazione giovanile alle sole imprese di call center che siano in possesso della certificazione di qualità e requisiti specifici quali l’adempimento di obblighi fiscali, rispetto dei contratti collettivi e l&rsqu...