Telemarketing, ‘Prefisso unico? Che sia identificabile e ricontattabile’. Intervista a Paolo Sarzana

Imagine del articolo

L'intervista del presidente Paolo Sarzana su Key4Biz

Il Disegno di legge sul ‘Registro delle Opposizioni’, ribattezzato ‘contro il telemarketing selvaggio’, prevede, tra l’altro, l’introduzione del prefisso unico per le chiamate commerciali. Il testo è stato approvato, lo scorso 2 agosto, al Senato e ora è giunto nelle Commissioni della Camera: ieri è stato oggetto di diversi emendamenti, molti dei quali sul codice unico per le telefonate a scopo commerciale. Abbiamo intervistato Paolo Sarzana, presidente di Assocontact, l’associazione nazionale dei Contact Center in Outsourcing, aderente a Confindustria Digitaleper capire quali conseguenze il Ddl causerebbe nel settore se venisse approvato così come è stato votato a Palazzo Madama.

 Key4biz. Come giudica il Disegno di legge sul ‘Registro delle Opposizioni’?

Paolo Sarzana. Assocontact propone tre migliorie:

  • Al posto del prefisso unico un numero identificabile e ricontattabile.
  • Una forte attività di monitoraggio e controllo per il rispetto delle regole già esistenti nel settore.
  • Evitare la cancellazione tout court di tutti i consensi precedentemente espressi.

Key4biz. Andiamo per gradi. Perché il prefisso unico non piace?

Paolo Sarzana. È una soluzione lesiva per il mercato. Il prefisso unico, per come è stato immaginato nel disegno di legge, è una soluzione che non consentirà al consumatore di poter distinguere tra buoni e cattivi, ossia il telemarketing corretto da quello selvaggio e molesto. Il consumatore, concretamente, non riuscirebbe neanche ad identificare ex ante le aziende con le quali ha sottoscritto un contratto (banca, assicurazione, abbonamento alla tv satellitare, utenze) rispetto a un potenziale soggetto che fa l’attività di promozione. Invece la soluzione da noi proposta è evitare il prefisso unico e introdurre un numero identificabile e ricontattabile, la stessa soluzione è contenuta in una normativa Ue, che dovrebbe entrare in vigore a maggio 2018, insieme al Regolamento europeo sulla protezione dei dati personali. Altrimenti se in Italia diventa legge il prefisso unico rischiano il posto di lavoro 40mila operatori dei call center, solo 25mila lavorano nelle imprese rappresentate da Assocontact. E poi si penalizza, ingiustamente, le aziende che svolgono correttamente il telemarketing.

Key4biz. Cosa intende con il ‘monitoraggio e controllo delle regole esistente’ per tutelare i consumatori?

Paolo Sarzana. Occorre far rispettare le regole a tutti coloro che lavorano in questo settore. La nostra associazione, per esempio, segue un codice deontologico e di autodisciplina; applica il Contratto collettivo nazionale delle telecomunicazioni ai lavoratori; firma gli accordi sindacali. L’ultimo è stato siglato a luglio con CgilCisl e Uil, e prevede strumenti di welfare a favore dei cosiddetti lavoratori atipici. Però non è sempre così in tutte le realtà del settore, infatti in Italia esistono associazioni datoriali, o pseudo tali, che applicano altre tipologie di contratti, a volte non ancora rinnovati, e con i minimi contrattuali pari alla metà di quelli stipulati da Assocontact. Le lascio immaginare il tipo di telemarketing selvaggio che mettono in pratica per raggiungere i risultati.

Key4biz. Infine, il Ddl in discussione ora alla Camera prevede anche ‘con l’iscrizione al Registro delle opposizioni, si intendono revocati tutti i consensi al trattamento dei dati personali espressi in precedenza’. Per i call center cosa significherebbe?

Paolo Sarzana. Significherebbe non consentirci di fare legalmente il nostro lavoro. Infatti sosteniamo di non cancellare di colpo tutti i consensi precedentemente espressi dai consumatori, perché non ci consentirebbe di fare il nostro lavoro di Contact Center in Outsourcing. Per evitare questo suggerisco un periodo di proroga di 6 mesi, per permettere di acquisire i numeri attraverso i consensi espressi con le nuove regole e in maniera più consapevole da parte dei consumatori. Così quest’ultimi saranno, giustamente e doverosamente, tutelati e al tempo stesso chi svolge correttamente l’attività di telemarketing potrà continuarla a fare.

17 ottobre 2017

L'Associazione mette a disposizione corsi di formazione on line, erogati da un ente certificatore esterno, in grado di rilasciare un attestato ad ogni singolo partecipante.

I corsi sono creati per le specifiche esigenze degli operatori di call center, hanno una durata di 45 minuti circa e prevedono l’accesso finale ad un test per il rilascio di un attestato individuale.

NEWS RECENTI

15 gennaio 2018

Privacy, come difendersi dalle telefonate indesiderate

Insieme a nome, cognome e indirizzo, il numero di telefono è il dato personale più utilizzato. D’altra parte, i cellulari sono diventati appendici del nostro corpo e lasciamo il numero dello smartphone un po’ dappertutto: quando facciamo un biglietto di viaggio, se scarichi...

3 gennaio 2018

Call center, governo fissa salario medio in quelli che partecipano ad appalti pubblici. Per il 60% dei lavoratori resta la giungla

Il ministero del Lavoro ha fissato a un minimo di 17 euro il costo dei dipendenti per i 30mila addetti dei centri telefonici che lavorano per le pubbliche amministrazioni. "Un passo in avanti, ma non risolutivo”, spiega Marco Del Cimmuto, segretario nazionale Tlc Slc Cgil. "Le s...

31 dicembre 2017

Call center, stabilito il costo minimo per minuto

Assocontact (associazione che rappresenta un’altra parte di call center in attività e che non ha partecipato alla definizione delle tabelle) si dice insoddisfatta. «I valori definiti dal ministero del Lavoro si riferiscono ai costi del lavoro diretti dei singoli operatori, ma non ...